Qual è il vero significato della Cresima
1. La Cresima è per ogni fedele ciò che per tutta la chiesa è stata la Pentecoste. Nella Pentecoste lo Spirito Santo è sceso sugli Apostoli ed ha donato loro forza, coraggio, li ha aiutati a comprendere chi è Gesù e ad amarlo fino al martirio per Lui.

2. La Cresima ci unisce più strettamente a Cristo Gesù e tra di noi. Ci rende capaci di essere testimoni coraggiosi e gioiosi di Cristo.

3. La Cresima ci comunica l’abbondanza dei doni dello Spirito Santo, in particolare comunica i doni della sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà, timor di Dio, che ci danno la possibilità di raggiungere la santità alla quale siamo tutti chiamati.

4. La Cresima è il sacramento della testimonianza. Il cresimato è chiamato alla costruzione del regno di Dio, in famiglia, nel campo di scuola o di lavoro, in parrocchia. In parrocchia cerchiamo continuamente chi sappia e voglia stare con i ragazzi, chi faccia esperienza di condivisione con gli anziani, gli ammalati, chi sappia dare un po’ di tempo per tanti piccoli servizi.

Che cosa significa l’unzione crismale?
1. Il sacramento della Confermazione è chiamato anche Cresima. Questo nome proviene dall’unzione che il Vescovo compie con il sacro Crisma, o olio profumato, consacrato nella Chiesa Cattedrale, il giovedì santo.

2. Il Crisma è l’olio usato per le consacrazioni e richiama l’idea di potenza e di missione: per questo venivano unti i re, i profeti, i sacerdoti nel popolo di Israele.

3. I cresimandi sono unti per indicare che partecipano al potere profetico, sacerdotale, regale di Gesù, il Cristo, che significa l’Unto e diffondono “il buon profumo” della conoscenza di Cristo.

4. Il sacramento della Confermazione imprime un sigillo spirituale indelebile chiamato carattere. Ne segue che il cresimato è consacrato per sempre a Cristo e appartiene a lui. Per questo, come per il Battesimo, la confermazione non può essere ricevuta che una sola volta.

I Padrini e Le Madrine
I padrini e le madrine devono avere almeno 16 anni, essere cresimati, avere ricevuto il sacramento dell’Eucarestia, essere di buona condotta, essere modelli di vita perché devono aiutare i cresimandi a comportarsi da veri testimoni di Cristo. Non sono ammessi i conviventi