RITROVATA UNA LETTERA DI LUIGI SACCO: AUTORE DEGLI AFFRESCHI DELLA BASILICA

Di Luigi Sacco, il pittore che realizzò la parte figurativa degli affreschi della Basilica non sappiamo molto. Vincenzo Bosio nelle sue "Memorie antiche di Pietra Ligure" a pagina 97 e Don Giuseppe Guaraglia nei suoi quaderni inediti ci raccontano alcune scarne notizie.
Genovese, allievo del Prof. Federico Peschiera, pure genovese, sposò una pietrese appartenente alla Confraternita dell'Immacolata (bianchi) a cui anch'egli si iscrisse nel 1865.
Nel 1862 incominciò ad affrescare la chiesa nuova. Il medaglione della volta in cui è rappresentata la scena del Paradiso con San Nicolò che chiede a Nostra Signora del Soccorso di intercedere presso la SS. Trinità per ottenere la liberazione della città dalla peste venne da lui firmato (nell'arpa) nel 1866 e rappresenta il suo capolavoro.
Affrescò pure tutte le altre medaglie minori allusive agli svariati miracoli del Santo Patrono, agli Angeli e ai ritratti di diverse virtù teologali e morali.
Non ha firmato i suoi affreschi minori: un sua firma è sulla lunetta sopra il nicchio di S. Nicolò, verso monte, dove viene rappresentato il miracolo della risurrezione dei tre bambini. Quivi si legge: “Per commissione di Don Antioco Accame fu Luigi: Luigi Sacco.”.
Del Sacco sono pure la bella tela rappresentante S.Luigi Gonzaga in preghiera davanti al Crocefisso da lui realizzata nel 1870 per la Confraternita di S. Caterina V.M. (vedi lettera relativa)

Altro suo dipinto è il S. Nicolò effigiato sulla volta centrale della Chiesa Vecchia.
Nella lettera ritrovata che riportiamo del 1876 (10 anni dopo l'affrescatura della cupola), il Sacco chiede al prevosto Don Bado , con delicatezza, ma in modo molto accorato che gli venga pagato quanto concordato e purtroppo non ancora saldato, in quanto, in quel momento, si trova in grandi ristrettezze economiche.


Ringraziamo ancora Alessandro Marinelli per averla donata all'archivio parrocchiale.