GIUSEPPINO MONGELSO

postato in: ARCHIVIO 2020 | 0
Ser

Giuseppe e Germana servono a Barbassiria

"Dies natalis: questo era il termine con cui, dai primi cristiani, veniva chiamato il giorno della morte ed é per questo che la festa dei Santi non viene quasi mai celebrata nel giorno della loro nascita, ma quando, terminata la vita terrena, la loro esistenza "rinasce" con il contatto diretto con Dio.

Per un disegno della Divina provvidenza Giuseppe ha avuto il suo "dies natalis", il suo incontro con in Signore Gesù, proprio nel giorno della nascita sulla terra del Salvatore". Con questo concetto Don Luigi Fusta, ex parroco di San Nicolò a Pietra, ha voluto salutare Giuseppino Mongelso, un caro parrocchiano che ci ha lasciato il 25 dicembre.
Era molto conosciuto in Pietra e nei dintorni avendo gestito un negozio di alimentari in piazza S. Nicolò ed avendo svolto varie attività civiche, rivestendo con passione e dedizione la carica di presidente del Pietra Calcio.

Andato in pensione si era dedicato anima e corpo alla collaborazione con la Parrocchia, servendo l'altare come accolito, aiutando i più bisognosi nella Caritas e nella S. Vincenzo e portando il suo qualificato contributo nelle sagre parrocchiali, nelle feste e, come "chef", nei "campi" nella casa alpina di Barbassiria.
La cerimonia funebre ha visto la presenza, oltre che di numerosi parenti ed amici, anche dei vari collaboratori parrocchiali  e di diversi sacerdoti, Don Luigi, don Federico, don Dario, don Angelo e don Giancarlo, che, assieme alla cara moglie Germana, hanno pregato per la sua anima.
Riposi in pace e sia di esempio a tanti per la sua attività e discrezione.
.